Chi siamo

For­me­bre­vi Edi­zio­ni è un pro­get­to edi­to­ria­le dell’Associazione For­me­bre­vi. For­me­bre­vi è uno spa­zio cul­tu­ra­le che pri­vi­le­gia la ricer­ca, la paro­la aper­ta alla cono­scen­za; è rifles­sio­ne sull’umano, for­ma di resi­sten­za che trae nutri­men­to dal dia­lo­go. Pub­bli­chia­mo libri di qua­li­tà, for­me che sca­va­no nel­la par­ven­za per appro­da­re alle cose. For­me­bre­vi favo­ri­sce e ali­men­ta la con­di­vi­sio­ne: orga­niz­za momen­ti di incon­tro, labo­ra­to­ri e atti­vi­tà cul­tu­ra­li. For­me­bre­vi è un pro­get­to non pro­fit, indi­pen­den­te e auto­pro­dot­to.
For­me­bre­vi Edi­zio­ni è Gio­van­ni Dumi­nu­co, Vivia­na Sca­rin­ci, Lia Masel­li.
For­me­bre­vi è tan­te altre per­so­ne, let­to­ri, ami­ci, volon­ta­ri che quo­ti­dia­na­men­te ci sosten­go­no.

Per pro­por­re o pro­por­vi a For­me­bre­vi pote­te con­sul­ta­re l’apposita sezio­ne del sito. Per asso­ciar­vi e par­te­ci­pa­re atti­va­men­te alle nostre ini­zia­ti­ve, dopo aver let­to e accet­ta­to il nostro sta­tu­to, è neces­sa­rio com­pi­la­re il modu­lo di iscri­zio­ne e inviar­lo via e-mail all’indirizzo info@formebrevi.it (in for­ma­to imma­gi­ne o .pdf). Una vol­ta invia­to, il modu­lo sarà sot­to­po­sto al con­si­glio diret­ti­vo che ne valu­te­rà l’ammissibilità; solo dopo pare­re favo­re­vo­le sarà pos­si­bi­le ver­sa­re la quo­ta annua­le secon­do le moda­li­tà che vi saran­no indi­ca­te (il ver­sa­men­to del­la quo­ta di iscri­zio­ne da dirit­to a rice­ve­re tut­ti i libri pub­bli­ca­ti duran­te l’anno asso­cia­ti­vo).

* * *

Con­tro i bia­si­ma­to­ri del­la bre­vi­tà. Una cosa det­ta con bre­vi­tà può esse­re il frut­to e il rac­col­to di mol­te cose pen­sa­te a lun­go: ma il let­to­re che in que­sto cam­po è novi­zio e non ha anco­ra affat­to riflet­tu­to al riguar­do, vede in tut­to ciò che è det­to con bre­vi­tà qual­co­sa di embrio­na­le, non sen­za un cen­no di bia­si­mo per l’autore, che gli ha mes­so in tavo­la per pran­zo, col resto, simi­li cose non fini­te di cre­sce­re, non matu­ra­te.
(F. Nie­tzsche)