Casa editrice non a pagamento

Forme­bre­vi Edi­zioni è una casa editrice non prof­it: è uno spazio cul­tur­ale che priv­i­le­gia la ricer­ca, la paro­la aper­ta alla conoscen­za. Forme­bre­vi è rif­les­sione sull’umano, for­ma di resisten­za che trae nutri­men­to dal dial­o­go.
Pub­blichi­amo lib­ri di qual­ità, forme che sca­v­ano nel­la par­ven­za per appro­dare all’essen­za delle cose. Forme­bre­vi favorisce e ali­men­ta la con­di­vi­sione: orga­niz­za momen­ti di incon­tro, lab­o­ra­tori e attiv­ità cul­tur­ali. Forme­bre­vi è indipen­dente e si auto-sostiene.
Il comi­ta­to edi­to­ri­ale è coor­di­na­to da Gio­van­ni Dumin­u­co. Fan­no parte del­la redazione: Lil­iana Bru­ca­to, Gio­van­ni Dumin­u­co, Lia Masel­li, Viviana Scar­in­ci, Alessia Scian­dra. Forme­bre­vi è tante altre per­sone: let­tori, ami­ci, volon­tari che quo­tid­i­ana­mente ci sosten­gono.

Casa editrice non a pagamento

Un po’ di storia

L’Associazione Forme­bre­vi è nata a Cal­tanis­set­ta nel set­tem­bre 2015 ad opera di un grup­po di appas­sion­ati let­tori, scrit­tori e artisti, con lo scopo di met­tere in atto la pro­prie com­pe­ten­ze al fine di real­iz­zare una serie di attiv­ità legate alla pro­mozione del­la cul­tura e del­la let­tura, attra­ver­so la dif­fu­sione dei lib­ri e l’organizzazione di attiv­ità di for­mazione riv­olte prin­ci­pal­mente alle gio­vani gen­er­azioni. Sin dal­la sua cos­ti­tuzione, Forme­bre­vi ha avvi­a­to un impor­tante dial­o­go con le realtà sco­las­tiche ter­ri­to­ri­ali, real­iz­zan­do numerose inizia­tive incen­trate sul mon­do del libro. Nel 2016 l’Associazione Forme­bre­vi ha dato vita a Forme­bre­vi Edi­zioni, prog­et­to edi­to­ri­ale indipen­dente e com­ple­ta­mente aut­o­fi­nanzi­a­to. L’idea è sta­ta quel­la di creare una modal­ità diver­sa in gra­do di favorire e ali­menta­re quel­lo spir­i­to di con­di­vi­sione e di ricer­ca comune che ani­ma la nos­tra realtà asso­cia­ti­va. Forme­bre­vi priv­i­le­gia le con­t­a­m­i­nazioni, col­lab­o­ran­do con altre realtà asso­cia­tive, al fine di creare una rete sem­pre più ampia e aper­ta a nuove espe­rien­ze. Tutte le attiv­ità di Forme­bre­vi sono curate e vagli­ate diret­ta­mente dai mem­bri dell’Associazione. Nes­sun cor­rispet­ti­vo viene asseg­na­to per le prestazioni dei soci, di nes­suna natu­ra; qual­si­asi attiv­ità avviene in maniera volon­taria, per il persegui­men­to degli obi­et­tivi statu­tari che ognuno dei soci, impeg­nan­dosi, ha sot­to­scrit­to. Qual­si­asi spe­sa è ridot­ta al min­i­mo nec­es­sario.

Per asso­cia­r­ti e parte­ci­pare atti­va­mente alle nos­tre inizia­tive, dopo aver let­to e accetta­to il nos­tro statu­to, è nec­es­sario com­pi­lare il mod­u­lo online. Una vol­ta con­clusa la pro­ce­du­ra di invio, la doman­da sarà sot­to­pos­ta al con­siglio diret­ti­vo, che ne val­uterà l’ammissibilità; solo dopo parere favorev­ole sarà pos­si­bile ver­sare la quo­ta annuale, pari a 20 euro, sec­on­do le modal­ità che vi saran­no indi­cate.

Per­ché asso­cia­r­si a Forme­bre­vi:
> Per essere parte atti­va di un prog­et­to cul­tur­ale aper­to al dial­o­go e alla con­di­vi­sione
> Per sostenere un prog­et­to edi­to­ri­ale indipen­dente
> Per avere il priv­i­le­gio di far parte di un luo­go (non-luo­go) di scam­bio cul­tur­ale, di elab­o­razione di nuove attiv­ità legate alla pro­mozione del­la ricer­ca let­ter­aria e filosofi­ca
> Per avere un trat­ta­men­to priv­i­le­gia­to nel­la parte­ci­pazione alle inizia­tive
> Per rice­vere gra­tuita­mente tut­ti i lib­ri pub­bli­cati da Forme­bre­vi Edi­zioni nel cor­so del­l’an­no asso­cia­ti­vo

Leg­gi lo statu­to
Iscriv­i­ti com­pi­lan­do il mod­u­lo online

* * *

Con­tro i biasi­ma­tori del­la bre­vità. Una cosa det­ta con bre­vità può essere il frut­to e il rac­colto di molte cose pen­sate a lun­go: ma il let­tore che in questo cam­po è novizio e non ha anco­ra affat­to riflet­tuto al riguar­do, vede in tut­to ciò che è det­to con bre­vità qual­cosa di embri­onale, non sen­za un cen­no di biasi­mo per l’au­tore, che gli ha mes­so in tavola per pran­zo, col resto, sim­ili cose non finite di crescere, non mat­u­rate.
(F. Niet­zsche)