Flavio Ermini: “Della fine”. Leggi un estratto

La nos­tra vita è una ter­ra mala­mente calpes­ta­ta e poi riasses­ta­ta con mezzi ris­i­bili. La nos­tra vita è una ter­ra depre­da­ta con meto­do, in atte­sa del­la cala­ta dei nuovi razz­i­a­tori. Una ter­ra dove la sper­an­za è un cartel­lo tolto dal cielo e sepolto sot­to molti strati di mac­erie.
L’essere umano non attende più la res­ur­rezione né altro com­pi­men­to. È la notte sen­za illu­sione quel­la che qui viene nar­ra­ta. È la sof­feren­za che ritor­na sul con­fine oscil­lante tra dolore e angos­cia”.

Scar­i­ca le prime due pagine del libro 

Con­di­vi­di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *